Mon08262019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: lunedì 26 agosto 2019
Sono le ore: 08:59
Back Archivio Artigiani calabresi

Artigiani calabresi

Steven's Hats... L'arte del cappellaio matto

  • PDF

Da sempre ha vissuto le tavole del palcoscenico. E’ stato scenografo, costumista, sino a quando non ha sentito l’esigenza di calcare le scene in prima persona diventando  protagonista, così Stefano Costabile diventa attore professionista e poi sceneggiatore. Tutto questo però non gli era sufficiente, la sua creatività, in qualche modo rimaneva ingabbiata. Alla fine lascia il teatro, una scelta dura, fatto da un puro come Stefano che non vuole arrivare ad alcun tipo di compromesso per regalare la sua arte. A quel punto si reinventa  come uomo, come creatore ed esprime la sua arte al massimo diventando “Steven’s hats” creatore di cappelli bellissimi che fanno ben comprendere la sua vena creativa.

Dove si stampa la storia - Antichi mestieri di Cosenza. Tipografia Di Giuseppe

  • PDF

LA STORIA di Cosenza l’hanno scritta anche loro. Lo hanno fatto a mano, posizionando i caratteri di piombo uno accanto all’altro; lo hanno fatto azionando macchinari rumorosi e complessi come la offset e la linotype, stampando La Voce bruzia, La Cittadella e La Parola socialista, il giornale fondato da Pietro e Giacomo Mancini. Ma la storia di Cosenza sta anche nelle migliaia di nomi scritti sui registri di stato civile e anagrafe del Comune, tutti volumi rilegati dalla tipografia Di Giuseppe di via Rivocati.

L'odore della colla - Antichi mestieri di Cosenza. Legatoria Tucci

  • PDF

L’ODORE di colla bianca è lo stesso di trent’anni fa, quando gli scaffali erano ancora pieni di libri da rilegare. Anche la disposizione di mobili e strumenti è rimasta la stessa. Il bancone di fronte l’entrata, il torchio nell’angolo e nel retro la macchina per tagliare la carta. I gesti sono quelli appresi da bambino, quando si andava a bottega per imparare un lavoro. Vincenzo Tucci, classe 1936, lavora con fogli, colla, libri e caratteri di piombo da quando di anni ne aveva tredici. Trent’anni, invece, è l’età di Alessia. Vincenzo le ha rilegato la tesi di laurea e da bambina Alessia già conosceva la Legatoria Tucci.

L'artista delle due ruote - Antichi mestieri di Cosenza - Barbarossa bici

  • PDF

«La vita è una ruota che gira». Achille Barbarossa lo sa bene, soprattutto dopo aver lasciato il lavoro appreso da piccolo per poi riprenderselo tredici anni fa. Achille Barbarossa, occhi blu e classe 1953, ripara e vende biciclette, ha imparato come si centra una ruota all’età di nove anni, quando al padre Ernesto bastava uno sguardo per far capire quale chiave usare per riparare un cerchio, una catena o un pedale. E se l’occhiata non bastava, allora partiva la «cazziata». Non era  un rimprovero fine a se stesso, in ballo c’era l’apprendimento del mestiere.

Moda rétro e chic - Antichi mestieri di Cosenza - Abbigliamento Bruni

  • PDF

Ai clienti Ettore dà ancora del lei. Lo fa con rispetto come si faceva una volta, «quando in negozio ci si comportava come in chiesa». Il lei lo usa con cura, come qualcosa di sacro, perché le cose sacre sono rare, difficili da trovare e custodire; e poi perché «resta ancora l’educazione ricevuta da padre e nonno. All’epoca il rispetto non era solo una questione esteriore. La forma era legata alla sostanza». Ettore Bruni ha 71 anni e fin da piccolo ha imparato a stare «come si deve» in negozio: «Dopo la scuola si veniva qua, ad apprendere le regole del mestiere».