Sun06162019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: domenica 16 giugno 2019
Sono le ore: 22:55
Back Prima Pagina

Calabria

Regione, nonostante la fine legislatura la giunta sforna nuove nomine, Nasso alla Film Commission, Scaramuzzino alla Fondazione Terina e Nicolai all'Arcea

  • PDF

Nonostante si sia praticamente in campagna elettorale considerando che molto probabilmente si voterà il 16 novembre anche se ancora non vi è una data ufficiale per eleggere il nuovo consiglio regionale, l'attuale giunta regionale continua a sfornare nomine come se nulla fosse. Ivano Nasso è il nuovo presidente della Film Commission. Pasqualino Scaramuzzino è stato nominato alla presidenza della Fondazione Terina e Maurizio Nicolai a direttore dell'Arcea. Si continua a nominare, si continua ad operare come se non fosse accaduto nulla di nulla.

Dichiarazione della Presidente f.f. Antonella Stasi su visita del sottosegretario al lavoro Bellanova a Fondazione Campanella

  • PDF

La Presidente f.f. della Regione Antonella Stasi in riferimento alla visita presso la Fondazione Campanella del sottosegretario al lavoro Teresa Bellanova, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “In merito alla recente visita del sottosegretario al lavoro Teresa Bellanova a Catanzaro relativa alla Fondazione Campanella appare opportuno fare delle dovute precisazioni. E’ ormai abbastanza notorio l’impegno che questa Giunta regionale ha avviato sin dal proprio insediamento per risolvere in via definitiva gli annosi problemi economici e giuridici della stessa fondazione, ritenuta un valido punto di riferimento per la cura e la ricerca in campo oncologico. Sulla Fondazione Campanella sono coinvolti molti soggetti istituzionali, non solo la Regione Calabria.

Magorno (Pd): “Grazie al progetto “Scuolesicure” saranno effettuati in Calabria 109 interventi di messa in sicurezza e ripristino dell'agibilità per istituti scolastici di ogni ordine

  • PDF

"Registro con soddisfazione un altro importante e concreto intervento del Governo Renzi, che produrrà effetti importanti in Calabria e in un settore fondamentale e vitale per la società come quello della Scuola", lo afferma il segretario regionale del Pd Ernesto Magorno che sottolinea come: "Grazie al progetto “Scuolesicure”, lanciato dall'Esecutivo nazionale, saranno effettuati, nella nostra regione 109 interventi di messa in sicurezza e ripristino dell'agibilità per istituti scolastici di ogni ordine e grado per un investimento totale di quasi 21 milioni di euro.

Klaus Algieri si complimenta con la presidente della regione Calabria e invita gli enti locali a sostenere la riforma del sistema camerale calabrese

  • PDF

Il Presidente della Camera di Commercio di Cosenza, Klaus Algieri, si complimenta con la Presidente f.f. della Regione Calabria, Antonella Stasi, per aver sottoscritto, insieme agli altri presidenti provinciali, il documento che vuole sostenere le attività istituzionali degli Enti camerali, per un rinnovamento del sistema in Calabria in vista della Riforma della Pubblica Amministrazione. Un documento, realizzato in gran parte dalla struttura di Cosenza, che non vuole che vengano meno le funzioni, l’organizzazione, la valenza e l’autonomia delle Camere, visto che in Calabria il sistema camerale svolge egregiamente il ruolo assegnatole per sostenere l’economia delle imprese locali.

L'On. Benedetto Della Vedova, Sc, interviene sulle preferenze e cita il caso Calabria dove l'84% degli elettori esprime la preferenza mentre in Lombardia solo il 12%

  • PDF

Ritorna di estrema attualità il dibattito nei Palazzi Romani dell'introduzione della preferenza nella riforma dell'Italicum con una mediazione, tutta all'italiana, del capolista nominato ed eletto senza preferenza e gli altri della lista con le preferenze, in modo tale da preservare ai più forti l'elezione comunque nominandoli capolista e gli altri pronti a gareggiare con la preferenza. E sulle preferenze interviene l'On. Benedetto Della Vedova di Scelta Civica che cita il caso Calabria. "Il voto di preferenza - afferma Della Vedova - trasforma "la competizione elettorale in un mercato "'al dettaglio" del consenso e in un sistema di compravendita del voto, in cui il do dell`elettore sia direttamente contraccambiato dal des dell`eletto, con l`uso dei mezzi della spesa e della regolazione pubblica.