Mon10142019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: lunedì 14 ottobre 2019
Sono le ore: 11:04
Back Politica Forza Italia contraria alle primarie, l'On. Santelli "daremo il nostro nome agli alleati", in pole position Wanda Ferro, Giacomo Mancini, Pino Galati e Roberto Occhiuto

Forza Italia contraria alle primarie, l'On. Santelli "daremo il nostro nome agli alleati", in pole position Wanda Ferro, Giacomo Mancini, Pino Galati e Roberto Occhiuto

  • PDF

Forza Italia non vuole in Calabria e nel centrodestra ruoli da comprimario. Forza Italia rimane il partito più votato fra i partiti del centrodestra calabrese e rivendica il candidato alla Presidenza della Regione per la coalizione del centrodestra. I nomi spuntati sinora sono quelli della Presidente della Provincia di Catanzaro, Wanda Ferro, dell'assessore regionale esterno Giacomo Mancini, del deputato lametino Pino Galati e del vicecoordinatore del partito Roberto Occhiuto. A conferma della contrarietà delle primarie nel centrodestra interviene l'On. Jole Santelli, coordinatrice di Forza Italia, "Faremo una selezione democratica al nostro interno, affidando ai nostri iscritti la possibilità di scegliere da chi farsi rappresentare. Poi proporremo questo nome ai nostri alleati".

Inoltre negli ambienti di Forza Italia si digerisce con difficoltà il fatto che a dettare i tempi e la richiesta delle primarie, anticipando tutti, sia il coordinatore regionale del Nuovo Centro Destra, il senatore Antonio Gentile. Ed in merito al ventilato ritorno di Giuseppe Scopelliti in Forza Italia la stessa coordinatrice Santelli ha provveduto a smentire tali voci. Ulteriore preoccupazione nel partito è anche l'annunciata intenzione di Silvio Berlusconi di aprire a volti nuovi e fresche energie.

E, come sempre, e non solo in Forza Italia ma in tutti i partiti calabresi, quando si parla di volti nuovi ed energie frasche i professionisti della politica che pensano solo a tramandare le loro poltrone ed il loro immenso patrimonio economico costruito con la politica ai loro figli alzano le barricate per evitare qualche nuovo arrivo che scompaginerebbe i piani di una Casta politica che da decenni ammorba i partiti. Casta politica che ha distrutto e continua a distruggere la Calabria, che ha disintegrato persino la speranza dei calabresi, che ha determinato il ritorno all'emigrazione ma che i calabresi, da veri masochisti e corrotti da una imperante cultura e modo di vivere con alla base la quotidiana illegalità continuano a votare.

Redazione

Aggiungi commento