Fri11152019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: venerdì 15 novembre 2019
Sono le ore: 18:41
Back Cronaca Le ricette di Palmino e Annamaria di Belvedere contro quelle della Sardegna alla "Prova del Cuoco". Oliverio "tifa" per gli chef cosentini

Le ricette di Palmino e Annamaria di Belvedere contro quelle della Sardegna alla "Prova del Cuoco". Oliverio "tifa" per gli chef cosentini

  • PDF

21 novembre 2012

Giovedì scorso 15 novembre la Calabria e, in particolare, la provincia di Cosenza e il comune di Belvedere Marittimo con il Ristorante “Sabbia d’Oro” sono stati protagonisti della nota trasmissione televisiva di Raiuno condotta da Antonella Clerici “Il Campanile” che si svolge all’interno della trasmissione “La prova del cuoco”. Due regioni italiane, Basilicata e Calabria, si sono sfidate a colpi di…buona cucina. Gli chef di Belvedere, Palmino Raffo e Annamaria Monetta, hanno preparato in diretta due piatti tipici della cucina calabrese: le “Tagliatelle giallomare” e una “Raganella di alici”. Il tutto condito con il tradizionale peperoncino di Calabria. La sfida è stata determinata dal televoto e, al termine, ha vinto il ristorante della provincia di Cosenza. Domani, giovedì 22 novembre, intorno alle 12.05 la sfida si ripeterà.

Questa volta Palmino e Anna sfideranno due chef della Sardegna. Chiunque potrà telefonare da casa da telefono fisso al numero 894 222 CODICE 1 oppure inviare un SMS al 4784781 CODICE 1. Il numero massimo di voti validi effettuati via telefono fisso e mobile dal cliente è 5 per ogni sessione di voto. Dell’ottima “performance” di Palmino e Anna è stato informato anche il presidente della Provincia di Cosenza, on. Mario Oliverio che, appena appresa la notizia, si è subito messo in contatto telefonico con i due chef cosentini per esprimere loro le proprie congratulazioni. “La vostra vittoria - ha detto il presidente della Provincia - conferma il livello di eccellenza che ha ormai raggiunto la nostra gastronomia. I nostri prodotti non temono nessuna concorrenza, così come non temono confronti i nostri chef. Dobbiamo solo credere di più nei nostri mezzi e promuovere con ogni mezzo le nostre eccellenze enogastronomiche che, non dobbiamo mai dimenticarlo, sono figlie di una storia e di una cultura secolare”. “Giovedì prossimo - ha concluso Oliverio - anch’io voterò per voi ed invito tutti i cosentini e tutti i calabresi a fare la stessa cosa. Sono sicuro che anche questa volta supererete il turno alla grande”.

Aggiungi commento