Mon05272019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: lunedì 27 maggio 2019
Sono le ore: 07:09
Back Prima Pagina

Calabresi nel Mondo

Riconoscimenti internazionali prestigiosi per il Prof. Giuseppe Marino dell'Unical, originario di Longobucco

  • PDF

L'Istituto di ricerca Thomson Reuters, il più prestigioso ente preposto alla classificazione dei risultati scientifici, ha pubblicato il report "The world's most influential scientific minds 2014" in cui sono state stilate, suddivise per campo di studio, le classifiche dei migliori scienziati in base al numero di articoli pubblicati e a parametri citazionali. In tal modo sono stati individuati circa 3200 scienziati in tutto il mondo suddivisi in 21 ambiti di ricerca; I ricercatori selezionati sono stati i più citati nel periodo compreso fra il 2002 e il 2012 e ''stanno influenzando la futura direzione dei loro settori di ricerca''. Per quanto riguarda la Matematica, tra i 95 presenti, sono solo 4 gli studiosi italiani in classifica e tra questi c’è il Prof. Giuseppe Marino del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università della Calabria.

Roma, XXXII^ edizione del Premio “La Calabria nel Mondo”, calabresi illustri premiati in Campidoglio

  • PDF

Sono stati premiati, nel corso di una singolare cerimonia all’interno della Sala Protomoteca in Campidoglio nella serata di giovedì 19 giungo 2014, i calabresi illustri che, con il loro lavoro e la loro attività, danno lustro alla Calabria. I premiati sono: Maria Antonietta Aloe Spiriti (Docente di Ematologia presso la Facoltà di Medicina e Psicologia “La Sapienza” di Roma), Carmine Belfiore (Questore di Terni), Irene Bertucci, (Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti), Vincenzo Bonifati (Presidente Gruppo Bonifati), Giovanna Cagliostro (Prefetto di Lucca), Ernesto Carbone (Deputato PD al Parlamento), Giuseppe Chiné (Capo Ufficio Legislativo Ministero della Salute e Consigliere di Stato).

Silvano Marchese, compositore e musicista, fra i calabresi che hanno dato uno spazio nel mondo alla Calabria

  • PDF

Silvano Marchese è nato a Rende (CS) nel dicembre del 1945, si è dedicato agli studi di musica prima da autodidatta seguito amorevolmente dal maestro Vincenzo Perugini, in seguito sotto la guida del maestro Hugo Aisemberg, poi, perfezionandosi sotto la guida del maestro Josè Lepore, dando spazio anche a quella che è la sua inclinazione naturale: la composizione classico-leggera. Ha composto musiche per la rielaborazione di “Pinocchio” e del “Fantasma di Canterville”, per il Centro di Drammaturgia Europeo di Potenza; ha inoltre scritto musiche per il testo teatrale “Sarto per signora” messo in scena dagli “Amici del teatro” di Lauria. Per circa venti anni ha impartito lezioni di pianoforte a Lauria e nei paesi limitrofi.

Protocollo d’intesa tra la Fondazione Calabresi nel Mondo e la Niaf

  • PDF

31 ottobre 2011

Il prossimo anno la Calabria sarà la Regione leader nel corso del trentasettesimo anniversario della Niaf (National Italian American Foundation) e il governatore calabrese sarà il primo delle regioni ad aprire i lavori. Questo quanto emerso a Washington a margine della firma del protocollo d'intesa tra la National Italian American Foundation e la Fondazione dei Calabresi nel Mondo, presso la sede della Niaf, sottoscritto dal presidente Joseph Del Raso e dal presidente della Fondazione Calabresi nel Mondo, il sottosegretario all'istruzione Pino Galati, alla presenza del governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti, del consigliere regionale con delega all'emigrazione Alfonsino Grillo e dei parlamentari eletti in America Amato Berardi e Basilio Giordano.

Steven Victor Tallarico, voce degli Aerosmith, è di origini calabresi

  • PDF

03 ottobre 2011

E' incredibile quanti siano le star della musica e del cinema, che nonostante i loro roboanti nomi d'arte si scopre essere di origini calabresi. Da Steven Siegel, con la mamma nata a San Giovanni in Fiore a Steven Tyler, la mitica star degli Aerosmith. Infatti, Steven Tyler, all'anagrafe Steven Victor Tallarico (Yonkers, 26 marzo 1948), è figlio di un calabrese appassionato di musica, Vittorio Tallarico, e nipote di Giovanni Tallarico, anch'esso musicista (originario di Cotronei, KR). Il padre di Steven vive ad Harlem fino a quando la famiglia, con il piccolo Steven di quattro anni si trasferisce nel Bronx.