Fri05292020

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: venerdì 29 maggio 2020
Sono le ore: 17:32
Back Economia

Economia

L'Italia in recessione, Pil -0,2%, e la Calabria affonda con una crisa sempre più dilaniante mentre la classe politica pensa solo alle poltrone

  • PDF

Il ceto politico calabrese che tanti danni ha procurato alla Calabria continua nel suo nefasto ruolo di impegno quotidiano nel conservare e perpetuare la propria poltrona, nonostante la crisi spaventosa che attanaglia una regione che sprofonda nell'abisso di una economia sempre più debole, di una decrescita demografica e delle nuove generazioni oramai destinate solo all'emigrazione e definitivamente espulse dall'inserimento nella società con un proprio ruolo e con un proprio dignitoso lavoro.

Dare impulso agli interventi di prevenzione del territorio. Lo chiede il Presidente di Ance Cosenza al neo Commissario per la mitigazione del dissesto idrogeologico

  • PDF

«Apprendiamo con soddisfazione della nomina del Commissario per la mitigazione del dissesto idrogeologico della Calabria nella persona di Maurizio Croce. L'auspicio è che il neo delegato alla risoluzione di problematiche così complesse ed importanti per l'assetto del territorio possa dare impulso e concretezza ad una serie di interventi di prevenzione dei rischi ambientali e di manutenzione programmata, fermi da troppo tempo». Lo dichiara il Presidente della Sezione Edile Ance di Confindustria Cosenza Giovan Battista Perciaccante, che aggiunge «giova ricordare che più di tre anni fa vennero stanziati 220 milioni di euro attraverso la stipula di un Accordo di Programma Quadro tra il Ministero per l'Ambiente e la presidenza della Regione Calabria ma che queste risorse sono rimaste incomprensibilmente inutilizzate.

Infocontact, dichiarazione di insolvenza che pone a rischio ben 1800 lavoratori, un terremoto per la fragile economia calabrese

  • PDF

Forte amarezza e delusione per i lavoratori della Infocontact per la dichiarazione di insolvenza, presentata dai vertici aziendali, che metterebbe a rischio 1800 lavoratori. "Ci chiediamo - affermano i lavoratori  - se le istituzioni si sono rese conto che qui c'è a rischio il lavoro di 1800 dipendenti. Non capiamo come possano restare impassibili davanti ad un problema economico-sociale di una tale gravità. Chiediamo la disponibilità di essere ascoltati da chi ha il dovere di vigilare sull'amministrazione dello stipendio, la disponibilità delle istituzioni locali e nazionali di intervenire nella vertenza per tutelare i diritti dei lavoratori convocando un tavolo di trattative presso gli organi competenti affinché si riesca a raggiungere un accordo per il salario garantito".

Orlandino Greco, Italia del Meridione, "I dati Svimez sul Mezzogiorno allarmanti ed in Calabria frutto di una dissennata gestione negli ultimi dieci anni"

  • PDF

Orlandino Greco, già sindaco di Castrolibero e presidente del consiglio provinciale di Cosenza, fondatore e leader del Movimento autonomista "L'Italia del Meridione" interviene sugli ultimi sconfortanti dati dello Svimez sull'andamento economico e sociale del Mezzogiorno. "I dati del rapporto Svimez sul Mezzogiorno - afferma Orlandino Greco - sono allarmanti e dovrebbero far indignare tutti i cittadini hanno a cuore il futuro della propria comunità. La Calabria è la regione più povera d'Italia, con un Pil pro capite di 15.989 euro. E' il quadro di una terra che s'inaridisce divenendo povera di persone, di prodotti locali, di investimenti e di lavoro.

Disoccupazione giovanile sale a 43,7%,a top dal '77

  • PDF

Aumenta il tasso di disoccupazione giovanile a giugno al 43,7% toccando il livello più alto dall'inizio delle serie storiche (mensili, ovvero dal 2004, e trimestrali, dal 1977). Lo rileva l'Istat nei dati provvisori di giugno, che mostrano una crescita di 0,6 punti sul mese e di 4,3 punti sull'anno. Il tasso di disoccupazione a giugno è del 12,3%, in calo di 0,3 punti su maggio. Si segnala un aumento di 0,1 punti nei 12 mesi. ''Ormai da qualche mese si è fermata l'emorragia di occupazione'', osservano i tecnici dell'istituto. I disoccupati sono 3 milioni 153 mila a giugno, secondo i dati provvisori dell'Istat. Diminuiscono del 2,4% sul mese precedente con 78 mila persone in meno in cerca di lavoro, ma aumenta dello 0,8% su base annua.