Mon10142019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: lunedì 14 ottobre 2019
Sono le ore: 03:31
Back Politica Agazio Loiero passa nell'Mpa. L'ennesimo cambio di casacca

Agazio Loiero passa nell'Mpa. L'ennesimo cambio di casacca

  • PDF

23 settembre 2011

E alla fine l'On. Agazio Loiero ha ufficializzato il suo passaggio con l'Mpa di Lombardo, Presidente della Regione Sicilia. In realtà si tratta di una conferma essendo già di pubblico dominio nel mondo della politica l'avvicinamento fra Loiero e l'Mpa. Si tratta, comunque, di uno delle tante tappe che costellano la vita politica di Agazio Loiero. Uscito dal suo partito natale, la Dc, dopo la scomparsa della stessa, Loiero aderisce al Ppi, per passare poi con il Ccd, in seguito un ulteriore passo con l'Udeur di Mastella con un intramezzo con l'Udr di cossighiana memoria. Con Clemente Mastella, Agazio Loiero giunge al culmine della sua carriera politica rivestendo l'incarico di Ministro della Repubblica.

Nel 2005 il centrosinistra lo candida alla Presidenza della Regione Calabria. Obiettivo che viene raggiunto. Nel 2006 Loiero fonda il partito democratico meridionale con il quale riesce a portare Pietro Fuda al Senato. Nel frattempo i rapporti con il Pd si sono deteriorati al tal punto che Loiero ha fondato il movimento Diritti ed Autonomia.

Oggi dopo la cocente sconfitta elettorale alle regionali del 2010, Agazio Loiero continua il suo impegno elettorale abbracciando la causa meridionalista del Movimento per l'Autonomia di Lombardo. E lo stesso Agazio Loiero, ha motivato il suo passaggio sostenendo che i partiti nazionali sono in crisi e non sono più in grado di dare risposte concrete per i problemi del Mezzogiorno. E la difesa del Sud e delle sue istanze è la motivazione principale che, per come ha affermato lo stesso Loiero, ha condotto l'ex governatore della Calabria ed i suoi amici ad aderire al movimento Lombardiano. Ma considerando i tanti passaggi fatti da Loiero nessuno può scommettere che in futuro non ve ne sia qualche altro.

Gianfranco Bonofiglio

Aggiungi commento