Wed11132019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: mercoledì 13 novembre 2019
Sono le ore: 15:13
Back Cronaca Rifiuti, il sindaco di Celico per ragioni atmosferiche vieta il conferimento al Comune di Cosenza. Ma c’era il sole

Rifiuti, il sindaco di Celico per ragioni atmosferiche vieta il conferimento al Comune di Cosenza. Ma c’era il sole

  • PDF

Il sindaco Mario Occhiuto in merito all'ordinanza del sindaco di Celico, Luigi Corrado, che nonostante la mattinata di sole, ha bloccato per ragioni atmosferiche il conferimento dei rifiuti del capoluogo bruzio nella discarica presente sul suo Comune, come impartito da direttiva regionale, interviene con un comunicato stampa. “Pur non amando fare politica attraverso denunce, mi sono ritrovato costretto a depositare un esposto per l’interruzione di pubblico servizio, con la speranza che il procedimento conseguente possa contrastare quella pericolosità per la salute che viene avvertita in tutta la città di Cosenza a causa dell’emergenza rifiuti. Emergenza che è stata indiscutibilmente provocata dagli atti illegittimi di chi si trova ad amministrare il territorio non facendo il bene della comunità ma, anzi, andandole contro.

Di questo, ovviamente, ho già informato il prefetto Tomao in modo da attuare le successive azioni del caso”. Il sindaco Mario Occhiuto tuona nuovamente contro il sistema gestionale che non vuole saperne di “liberare” Cosenza dalla morsa gravosa che da troppe settimane l’ha travolta, con le strade invase dai rifiuti. “Se la città di Cosenza è sporca - aggiunge - i cittadini sappiano che adesso lo devono anche e soprattutto a questo signore di nome Luigi Corrado, sindaco di Celico, che con ordinanza pretestuosa ha inibito l’accesso dei veicoli sulla strada che porta alla discarica di Celico, individuata dalla Regione Calabria.

Non è più tollerabile che si faccia business attraverso il depauperamento del territorio che invece dovrebbe essere ben amministrato, né si può tollerare che il Comune di Celico, stimolato in tal senso dai sodali della medesima corrente politica, scelga a sua discrezione le Amministrazioni comunali che possono andare a conferirvi. Non si può fare una distinzione fra rifiuti cosentini e rifiuti non cosentini. Se la discarica può provocare un possibile danno ambientale e per la salute, come pure giustamente sostengono i rappresentanti dei comitati che si oppongono, il danno può essere provocato dai rifiuti conferiti anche dagli altri Comuni e non solo da quelli di Cosenza.

La discarica o è di tutti, o va chiusa a tutti. Del resto funziona così: prima realizzano le discariche per business e poi vogliono gestirle pure per fini elettorali. Sia chiaro: una discarica, una volta costruita e autorizzata dalla Regione, rientra nella disponibilità del sistema regionale che indica ai Comuni dove andare a conferire. Altrimenti avrebbero ragione i Sindaci del catanzarese a opporsi al conferimento nella discarica di Pianopoli dei nostri rifiuti. Ora, a seguito di una nuova direttiva della Regione Calabria che permette al Comune di Cosenza di andare a conferire nella discarica di Celico, il Sindaco di codesto Comune ha emesso un’ordinanza illegittima e pretestuosa per evitare lo smaltimento dei nostri rifiuti in quel sito, un’ordinanza motivata sulla base, ridicola, delle cattive condizioni atmosferiche, visto che stamattina c’era un ‘sole che spaccava le pietre’.

Non è più ammissibile continuare con politiche di questo tipo che rovinano il territorio e alimentano un sistema malato di gestione della cosa pubblica. Dico pertanto ai cittadini che io posso anche andare via, tornando volentieri a svolgere la mia professione di architetto ma, ormai si sa, di certo non ho mai fatto del mio mandato una questione di mera appartenenza partitica. Rischio e mi metto in discussione perché non ne faccio un problema di poltrone ma esclusivamente di interessi dei cittadini, portando avanti una politica di verità. Pur essendo nella stessa corrente politica dell’attuale governance regionale, com’è noto ne ho spesso criticato l’operato in maniera diretta.

Credo però sia giunto il momento che i cittadini aprano gli occhi anche su tutti gli altri i quali hanno avuto negli anni responsabilità di governo regionale e provinciale, distaccandosi dalla visione di questa vecchia politica che ha sfruttato il territorio da un punto di vista ambientale e delle risorse, e che ha condotto operazioni clientelari utilizzando gli Enti e le Asp persino per formare le liste elettorali”. Il sindaco Mario Occhiuto conclude: “Liberiamo la Sila e la presila da questi eterni personaggi, sempre gli stessi, che, insieme ai loro compari, opprimono la crescita dei calabresi. Dobbiamo liberare la nostra regione da questi signori per non continuare con la politica indiscriminata dell’impoverimento del territorio e delle sue risorse, ambientali e umane. Per non continuare con la politica delle discariche, delle assunzioni clientelari e delle sagre delle patate”.

 

Redazione

Aggiungi commento