Mon10142019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: lunedì 14 ottobre 2019
Sono le ore: 02:45
Back Politica Il bilancio di fine anno del sindaco Mario Occhiuto, da candidato indipendente a militante e professionista della politica in Forza Italia

Il bilancio di fine anno del sindaco Mario Occhiuto, da candidato indipendente a militante e professionista della politica in Forza Italia

  • PDF

Al tradizionale incontro di fine anno nel salone di rappresentanza, nel quale di norma si tracciano bilanci su quanto è stato fatto e si espongono i progetti l per l'immediato futuro amministrativo, il sindaco Mario Occhiuto è partito rispondendo direttamente alle curiosità dei cronisti, non senza aver ringraziato il proprio staff, gli assessori, i consiglieri comunali, i dirigenti e i dipendenti di palazzo dei Bruzi. Sul cambiamento del quadro politico ed eventuali rimpasti di giunta il Sindaco ha sostenuto che "Noi abbiamo due canali, uno è la maggioranza che ci sostiene, sempre secondo quelle che sono le prerogative del Sindaco.

L’altro canale è una questione di tipo prettamente politico, secondo ciò che accade anche sul piano nazionale. Sono assolutamente soddisfatto del lavoro svolto fino ad a oggi dal mio esecutivo e spero di non dovere operare rimpasti. Ma al momento non posso dare certezze al riguardo, non posso dire cosa succederà negli scenari del Paese e se quindi dovremo adeguarci per via di certi equilibri. Il passaggio a Forza Italia per me è stato una sorta di ritorno perché, com’è noto, nel ‘93 ho costituito il primo club regionale con l’attuale assessore Geppino De Rose vicepresidente. Fu quando Forza Italia non era ancora un partito ma un movimento. Adesso il quadro politico è cambiato e noi ci ritroviamo nei valori in cui abbiamo sempre creduto: nella rivoluzione liberale, nello spirito d’impresa, nella necessità di detassare i cittadini. Nel merito della vicenda comunale, invece, si tratta di un rafforzamento. Ci troviamo nella maggioranza del gruppo regionale.

È dunque aumentata, così, la nostra capacità di fare richieste anche in modo più incisivo rispetto al passato che riguardano il territorio". Sui lavori pubblici Occhiuto ha affermato che "Dal punto di vista dei lavori pubblici questa città ha ripreso dopo tanti anni ad avviare importanti opere: il palazzo di Città e il rifacimento di tutti i marciapiedi del centro, ad esempio. Ma l’opera principale resta la riqualificazione di piazza Bilotti e degli spazi liberi aperti. I lavori stanno procedendo secondo le previsioni nonostante le problematiche che ci sono state e che sono state superate. Stiamo già vedendo i primi tratti dei marciapiedi e dei percorsi pedonali, saranno presto completati l’illuminazione a led e le piste ciclabili insieme ai percorsi per le persone diversamente abili".

Sugli eventi programmati per il Capodanno Occhiuto ha sottolineato che "l’anno scorso abbiamo fatto un Capodanno con risorse limitatissime, riuscendo nell’impresa di un’organizzazione last minute ma di qualità e di grande partecipazione popolare. Anche quest’anno abbiamo messo in campo il massimo sforzo. Praticamente per una serie di eventi sparsi, dal centro città al centro storico, spendiamo i soldi che una volta si spendevano solo per i fuochi pirotecnici che, fra l’altro, noi abbiamo vietato. Anche queste attività festive e ludiche, come le luminarie che portano in sé una certa progettualità, servono a dare sostegno alla sempre i migliori propositi ed anche le migliori energie. Probabilmente assisteremo alla carriera politica dei fratelli Occhiuto, Mario e Roberto, quindi di una nuova famiglia della politica cittadina. Considerando che ve ne sono tante non si sentiva bisogno certamente di una ennesima famiglia in politica. Ma così è. E da consumato politico professionista il Sindaco Occhiuto ha accennato il suo pensiero anche sulla vicina Rende riferendosi alle prossime elezioni comunali della prossima primavera. "Non so chi scenderà in campo a Rende alle prossime Amministrative e non posso prevedere che tipo di rapporti avremo con il futuro Esecutivo. città con introiti commerciali e di turismo. Inoltre il Sindaco Occhiuto che ha impostato la sua campagna elettorale da candidato indipendente sostenuto dal centrodestra e da personaggio fuori dalla politica non ha voluto porre in risalto il grande salto effettuato. Da uomo al di fuori dalla politica a politico iscritto ad un partito, Forza Italia.

Un cambiamento abissale che conduce Mario Occhiuto da professionista e architetto al ruolo di consumato politico sindaco e militante iscritto di un partito. Le poltrone evidentemente riescono a cambiare sempre i migliori propositi ed anche le migliori energie. Probabilmente assisteremo alla carriera politica dei fratelli Occhiuto, Mario e Roberto, quindi di una nuova famiglia della politica cittadina. Considerando che ve ne sono tante non si sentiva bisogno certamente di una ennesima famiglia in politica. Ma così è. E da consumato politico professionista il Sindaco Occhiuto ha accennato il suo pensiero anche sulla vicina Rende riferendosi alle prossime elezioni comunali della prossima primavera. "Non so chi scenderà in campo a Rende alle prossime Amministrative e non posso prevedere che tipo di rapporti avremo con il futuro Esecutivo.

Al Comune d’oltre Campagnano riconosco un’ottima capacità sul fare, in passato, una politica urbanistica, ma una politica rivelatasi miope negli ultimi anni. Oggi non viviamo più in un momento di espansione in termini urbanistici, dobbiamo offrire servizi alla cittadinanza basati sugli scambi reciproci, puntando all’integrazione di questi servizi, soprattutto sul trasporto pubblico urbano ma anche sul ciclo dei rifiuti. Non bisogna considerare la città di Rende come una riserva o come un feudo elettorale". Chiaro il riferimento al feudo elettorale dell'On. Sandro Principe e chiaro anche che il Sindaco Occhiuto con Forza Italia sarà della partita per le elezioni rendesi aiutando il candidato che verrà scelto dai berlusconiani vecchi, nuovi e rientranti.


Redazione

 

 

 

 


 

 

Aggiungi commento