Mon10142019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: lunedì 14 ottobre 2019
Sono le ore: 10:11
Back Politica Forza Italia chiede alla Regione ben due assessorati e mira anche alla poltrona di Direttore generale dell'Asp di Cosenza

Forza Italia chiede alla Regione ben due assessorati e mira anche alla poltrona di Direttore generale dell'Asp di Cosenza

  • PDF

Come tutti sanno in politica, soprattutto in Calabria, ciò che conta sono le poltrone ed il potere che rappresentano. E' ovvio che con la divisione del centrodestra in due tronconi, la rinata Forza Italia ed il nuovo partito di Alfano anche le poltrone dovranno essere divise equamente. Infatti ambedue i partiti possono contare su ben nove consiglieri regionali a testa ma sul piano del potere reale lo stesso pende a favore del nuovo partito di Alfano. E quindi immediata è stata la richiesta di Forza Italia di avere altri due assessorati regionali come sarà probabilmente già in atto anche una guerra sotterranea con le manovre di Forza Italia per cercare di porre in discussione la più ambita di tutte le poltrone di sottogoverno che vale anche più di un assessorato regionale.

Quella ambitissima da sempre che è la poltrona di direttore generale dell'Asp oggi occupata dal direttore Gianfranco Scarpelli notoriamente legato da un forte rapporto di fiducia con l'ex coordinatore regionale del Pdl, il Senatore Antonio Gentile, recentemente confluito con il fratello Pino, assessore regionale ai lavori pubblici, nel nuovo partito di Angelino Alfano. Per Forza Italia la poltrona di direttore generale dell'Asp val bene una battaglia all'interno dei nuovi equilibri del centrodestra calabrese che prima della scissione degli alfaniani era in toto solidamente in mano all'ex coordinatore regionale del Pdl, il Governatore Scopelliti. Ora gli equilibri sono cambiati e l'uomo forte del centrodestra calabrese, oggi in verità un po meno forte, deve tener conto di Forza Italia che con i suoi uomini ed in primis il deputato Pino Galati, esige maggiore peso ed un maggior numero di poltrone.

Redazione

 

 

Aggiungi commento