Fri11152019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: venerdì 15 novembre 2019
Sono le ore: 19:06
Back Politica Cosenza, inaugurata la nuova sede del'Ugl con la partecipazione dell'assessore regionale al bilancio, Giacomo Mancini

Cosenza, inaugurata la nuova sede del'Ugl con la partecipazione dell'assessore regionale al bilancio, Giacomo Mancini

  • PDF

L'assessore regionale al Bilancio e alla Programmazione nazionale e comunitaria, Giacomo Mancini, ha partecipato a Cosenza all’inaugurazione della nuova sede dell’Unione territoriale dell’Ugl (Unione Generale del Lavoro), in piazza Mancini. Alla cerimonia, che ha fatto seguito al convegno sul tema ”Lavoro, disoccupazione, cassa integrazione e precarieta’ in Calabria: quale futuro?”, hanno preso parte anche il segretario generale del sindacato, Giovanni Centrella; il segretario nazionale Ugl telecomunicazioni Stefano Conti; il segretario regionale dell’Ugl Domenico Provenzano; Giuseppe Brogni, segretario provinciale Ugl Cosenza, e il consigliere regionale Gianpaolo Chiappetta.

In particolare, la sede del sindacato è collocata nell’ex deposito merci delle Ferrovie della Calabria. L’immobile, di proprietà regionale, è stato concesso al sindacato per un periodo di quattro anni, dietro pagamento di un canone, grazie alla sottoscrizione del contratto stipulato dal dipartimento Bilancio e patrimonio regionale e dall’Ugl. ”In un quadro nel quale non possiamo disporre di molte risorse - ha detto Mancini - utilizzare il patrimonio per valorizzarlo e per riscuotere utili alienandololo è, ritengo, un punto di merito per la nostra amministrazione di cui si avvantaggeranno i calabresi. Oggi raggiungiamo un duplice risultato positivo.

Da una parte la Regione mette a disposizione dell’Ugl una sede nel centro di Cosenza per lo svolgimento delle attività sindacali in difesa dei diritti dei lavoratori. Dall’altra abbiamo reso vivibile un immobile che era abbandonato e versava in uno stato di degrado, riportato a nuova vita dai lavori di ristrutturazione posti in essere da questa sigla sindacale che nei prossimi anni si fermerà qui, pagherà un canone alla Regione e consentirà di rendere più vivibile una zona che fino a pochi mesi fa era circondata da sacche di negatività. Un buon risultato del quale siamo soddisfatti”.

Redazione

 

 


 

Aggiungi commento