Thu10242019

Last update12:33:00 AM GMT

Oggi è: giovedì 24 ottobre 2019
Sono le ore: 03:38
Back Spettacolo Tutto pronto per la “prima” del Nabucco al Rendano

Tutto pronto per la “prima” del Nabucco al Rendano

  • PDF

02 dicembre 2011 

Vigilia di attesa per il “Nabucco” di Giuseppe Verdi che questa sera, alle ore 20,30, aprirà ufficialmente la stagione lirico-sinfonica del Teatro “Rendano”, la cinquantaduesima nella storia del teatro di tradizione cosentino, la prima del nuovo corso targato Albino Taggeo, il direttore artistico nominato nell’agosto di quest’anno dal Sindaco Mario Occhiuto alla guida dell’istituzione culturale della città. Sono stati più di 600 gli studenti che hanno assistito al “Rendano” alla prova generale del “Nabucco”, riservata alle scuole della città e della provincia.

Con loro anche una delegazione di studenti cinesi, a Cosenza per partecipare ad un progetto di approfondimento dello studio della lingua italiana. Il tema dell’unità nazionale, suggerito dalle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia e che è il principale leit-motiv della stagione lirica del “Rendano” è stato al centro  anche della tavola rotonda sul tema “Verdi e il Nabucco fra Risorgimento e secessione” con la quale il direttore artistico Taggeo ha voluto si ripristinasse la consuetudine di far precedere la “prima” dell’opera da un incontro che ne illustrasse le peculiarità, ma anche il contesto storico, oltre alle implicazioni politiche dell’epoca in cui l’opera di Verdi vide la luce e di quella attuale.

L’incontro  che ha rappresentato l’inizio di un ciclo cui è stato dato il titolo “Conversando fra le note”, è stato introdotto e condotto dalla giornalista e storico della musica Pia Tucci. Ad inquadrare storicamente il periodo in cui si sviluppa in Italia il melodramma e nel quale si afferma il capolavoro verdiano, è stato lo storico Gabriele Petrone che al Risorgimento e soprattutto al contributo calabrese e cosentino all’unità nazionale ha dedicato un libro dal titolo “La Calabria che fece l’Italia”. Per Petrone “il melodramma è il primo grande elemento di unificazione della nazione e l’Italia, prima ancora che sulle barricate si è costruita sulla musica, straordinario veicolo di circolazione delle idee. Se l’Italia guarda al suo passato, qualche speranza di rimettersi in moto ancora ce l’ha”.

Dell’inesistenza, all’epoca in cui fu concepito da Verdi il “Nabucco”, di modelli di riferimento del teatro di prosa ha poi parlato il docente dell’Università della Calabria e storico del teatro Carlo Fanelli che ha anche ricordato nel suo intervento le qualità registiche di Verdi, espresse in alcuni quaderni di regia, e ampiamente dimostrate nel “Nabucco” nella costruzione dei personaggi, soprattutto i protagonisti. “Vogliamo – ha detto Taggeo – che la stagione del “Rendano” sia una stagione gloriosa e le premesse perché questo avvenga ci sono tutte.” Nel ricordare la grandezza di Verdi ed il suo stile unico ed inimitabile, Taggeo ha sottolineato come nel compositore di Busseto si assista “ad una sintesi straordinaria tra musica popolare e musica colta e raffinata.

Il taglio popolare in Verdi contraddistingue tutto il suo percorso di grande compositore, dalle prime opere (Nabucco è la sua terza opera, composta quando aveva appena 29 anni), fino al “Falstaff”.” Per il direttore artistico del “Rendano” quella verdiana è “una grande lezione per la sua straordinarietà.” Sarà la prima uscita ufficiale della nuova Orchestra lirico-sinfonica del Teatro “Rendano”, costituitasi da poco dopo il bando voluto dall’Amministrazione comunale. L’Orchestra, come già accaduto ieri sera in occasione dell’anteprima per le scuole, eseguirà in apertura, a sipario ancora chiuso, l’Inno di Mameli, in omaggio ai 150 anni dell’Unità nazionale e al tema prescelto per inaugurare la stagione del “Rendano”.

Altra importante novità saranno i sovratitoli, grazie ai quali gli spettatori potranno seguire l’opera, leggendo il libretto di Temistocle Solera direttamente sulla parte alta del sipario del teatro. Un utilissimo sistema, di ausilio alla comprensione dell’opera, altre volte introdotto nei cartelloni lirici del “Rendano”, ma per opere in lingua originale, ma che ora è stato adottato anche per un’opera in lingua italiana.

Redazione

Aggiungi commento